Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il grande Vittorio Gassman

Vittorio GassmanIl grande Vittorio Gassman ci lasciava venti anni fa a causa di un improvviso attacco cardiaco nel sonno all’età di 77 anni. Alle celebrazioni dei cento anni dalla nascita di Alberto Sordi (che noi abbiamo ricordato nei mesi scorsi con un articolo) si unisce pertanto il ricordo di un altro attore “immortale” nel ventennale della sua scomparsa terrena. Ed in effetti i due grandi attori hanno rappresentato il meglio del nostro cinema, che ancora oggi continuiamo ad ammirare. Basterebbe citare un solo film, recitato magistralmente da entrambi: La Grande Guerra, straordinario capolavoro che sfiorò addirittura il premio Oscar.
Vittorio Gassman probabilmente è stato l’attore più completo e poliedrico in senso assoluto che il nostro Paese ha mai avuto. Iniziò la sua carriera artistica come attore di teatro e debuttò nel cinema nel 1945. In quel periodo era infatti  il teatro a dargli maggiori soddisfazioni se si eccettua la parentesi del film Riso Amaro in cui ebbe grande successo. Nei primi anni di carriera, i suoi ruoli nel grande schermo erano soprattutto “fisici” (Vittorio Gassman era stato in gioventù un eccellente giocatore di basket) e legati spesso a personaggi antipatici. La svolta “comica” avvenne nel 1958 grazie a Mario Monicelli con I soliti ignoti. Da quel momento Il Mattatore (il soprannome di Vittorio Gassman, dal nome del fortunato programma televisivo che lui condusse nel 1959) iniziò una straordinaria carriera cinematografica come attore di punta della cosiddetta commedia all’italiana. Film come Il Sorpasso divennero il manifesto di un’epoca, il boom economico dell’Italia negli anni sessanta. Vittorio Gassman non lasciò però mai il teatro, arrivando sul palco a livelli di perfezione artistica come con le sue recite della Divina Commedia, che hanno fatto epoca, o con la direzione dell’Adelchi di Alessandro Manzoni, la cui tournée raccolse ben mezzo milione di spettatori.
Vittorio Gassman fu un uomo dal fascino inarrivabile con un carisma straordinario. La sua vita privata fu contrassegnata da tanti grandi amori e da 4 figli. La depressione spesso l’accompagnò, come talvolta può succedere agli artisti più grandi. Le sue ceneri sono state tumulate nel cimitero romano del Veranohttps://it.wikipedia.org/wiki/Vittorio_Gassman