Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda Paola Pigni, leggenda dell’atletica leggera

Paola Pigni

Paola Pigni, grande campionessa dell’atletica leggera italiana, è morta all’età di 75 anni. Un malore l’ha colpita subito dopo un evento, tenutosi l’11 giugno nella tenuta presidenziale di Castel Porziano, al quale era presente anche Sergio Mattarella. Tra i primi soccorritori, l’ex campione mondiale di salto con l’asta Giuseppe Gibilisco. Trasportata all’ospedale Sant’Eugenio, Paola Pigni è purtroppo deceduta.
Il Presidente del CONI Giovanni Malagò, a nome della Giunta e del Consiglio Nazionale, ha espresso tutto il suo dolore per questa improvvisa e dolorosissima perdita.
https://www.coni.it/it/news/18261-addio-paola-pigni-il-tuo-sorriso-ci-accompagner%C3%A0-per-sempre.html
Paola Pigni è stata una figura leggendaria dell’atletica leggera contribuendo notevolmente all’emancipazione delle donne in questo meraviglioso sport.
Nata a Milano il 30 dicembre 1945, iniziò la sua attività sportiva come velocista ma ben presto si sentì più portata per le gare più lunghe. Il suo primo titolo italiano arrivò correndo gli 800 metri. Ma è nel cross e nei 1500 metri dove, forse, l’atleta azzurra raggiunse i più grandi successi senza però dimenticare i record del mondo stabiliti anche nelle lunghe distanze: 3000, 5000 e 10000 metri (oltre che negli stessi 1500 metri).
In quegli anni Paola Pigni fu una delle artefici dell’evoluzione del mezzofondo femminile. Poche atlete riuscirono ad essere così versatili in tante differenti specialità. Avrebbe meritato certamente più medaglie olimpiche se sulla strada non ci fossero state le atlete dell’ex blocco sovietico ed in particolare quelle tedesche orientali, spesso chiacchierate per i sospetti (in alcuni casi certezze) di doping.
Nel 1972 vinse la medaglia di bronzo alle olimpiadi di Monaco nonostante avesse battuto per tre volte (a partire dalle batterie) il primato italiano. Da menzionare anche i tre ori vinti nel 1973 alle Universiadi (nei 1500 metri) ed ai Giochi del Mediterraneo (negli 800 e nei 1500 metri).
Nel 1976 un grave infortunio al piede le impedì di fatto il proseguo della sua carriera agonistica obbligandola al ritiro tre anni dopo.
I funerali di Paola Pigni si sono tenuti il 16 giugno a Roma nella chiesa Gran Madre di Dio di Ponte Milvio.