Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il grande Niki Lauda

Niki LaudaIl grande campione di Formula Uno Niki Lauda è morto lo scorso 20 maggio in una clinica di Zurigo all’età di 70 anni. L’estate scorsa, a seguito di una infezione polmonare, si era dovuto sottoporre ad un trapianto di polmone che l’aveva obbligato a quasi un anno di degenza. Molto probabilmente tale infezione è stata l’ennesima conseguenza del gravissimo incidente avuto sul circuito del  Nürburgring nel 1976 che causò a Niki Lauda delle gravissime ustioni e l’inalazione di fumi tossici che compromisero i suoi polmoni. Arturo Merzario, il pilota che con grande coraggio salvò Niki Lauda liberandolo di peso dalla sua auto in fiamme, nel commemorarlo così ha ricordato quel terribile incidente: “Vidi una Ferrari uscire di pista e prendere fuoco, non sapevo se fosse quella di Niki o di Clay Regazzoni, in quei momenti non hai tempo per riflettere, pensi solo a comportarti da uomo. Decisi di fermarmi, l’avrei fatto per chiunque…Gli praticai il massaggio cardiaco e la respirazione artificiale. I medici in seguito dissero che quei due minuti furono fondamentali per la sua sopravvivenza. Io lì per lì non sapevo se ce l’avrebbe fatta oppure no, aveva respirato tutti quei fumi tossici che poi gli hanno complicato l’esistenza”. https://www.corriere.it/sport/19_maggio_21/ricordo-merzariocosi-salvai-vitaal-mio-amico-nemico-e0dfa42c-7bfd-11e9-8adb-39180fdb68e7.shtml. Niki Lauda dopo questo drammatico incidente si riprese a tempo di record tornando in pista dopo soli 42 giorni. Tra atroci sofferenze cercò di difendere il mondiale vinto l’anno prima senza però riuscirci: vinse James Hunt per un solo punto ma il coraggio di Niki Lauda entrò nella leggenda dello sport e nel cuore di tutti i tifosi. In quegli anni il pilota austriaco (era nato a Vienna da una famiglia di ricchi banchieri) pilotava la Ferrari e già aveva vinto un mondiale nel 1975. L’anno successivo al drammatico incidente, Niki Lauda bissò con la “rossa” il successo al mondiale ma i suoi rapporti con Enzo Ferrari non furono sempre idilliaci. Nel 1978 si trasferì alla Brabham- Alfa Romeo ritirandosi dalle corse l’anno successivo per dedicarsi all’altro grande amore della sua vita: l’aviazione. Fondò la compagnia aerea Lauda Air (la prima delle tre da lui create e dirette) ma il richiamo della Formula Uno non tardò a farsi risentire. Tornò alla guida della McLaren vincendo nel 1984 il suo terzo mondiale.
Niki Lauda è considerato uno dei migliori piloti della storia della Formula Uno e per la sua freddezza al volante e la capacità di adeguarsi al meglio ad ogni circuito era soprannominato Il computer.