Seguici su:

Ama Funerali Roma- E’ morto Tom Petty


Il cantante e musicista rock Tom Petty è morto nel “Santa Monica Hospital” a seguito di un attacco cardiaco che lo ha colto nella sua abitazione di Malibu.
Tom Petty è stato dagli anni settanta in poi uno dei più importanti artisti rock statunitensi. Decise di diventare un musicista a 13 anni quando vide i Beatles ospiti del programma “The Ed Sullivan Show”. Nato a Gainesville (Florida)  nel 1950, Tom Petty legò il suo nome per gran parte della carriera artistica alla band “the Heartbreakers” con cui esordì nel 1976 registrando l’omonimo album “Tom Petty & the Heartbreakers” che li imposero immediatamente nel firmamento della musica rock americana con il singolo “Breakdown”. Il loro rock traeva ispirazione da influenze country, blues, dal cosiddetto “Southern Rock”, da sonorità psichedeliche tipiche dei Byrds e da Bob Dylan con cui condividerà anche un sodalizio artistico.
Con gli Heartbreakers registrò numerosi album tra cui “Damn the Torpedoes”, che raggiunse il triplo disco di platino negli USA, “Hard Promises”, con cui confermò un ottimo giudizio di critica pur non ripetendo il successo di pubblico del lavoro precedente, e “Southern Accents” del 1985 (in cui collaborò con Dave Stewart), in cui nel video del singolo “Don’t come around here no more” Tom Petty apparve vestito come il Cappellaio Matto del libro “Alice nel paese delle meraviglie”.
Il sodalizio con gli “Heartbreakers” non impedì a Tom Petty di intraprendere anche altri progetti artistici come la costituzione nel 1988 della super band  “Traveling Wilburys” insieme ad icone del calibro di Bob Dylan, l’ex Beatles George Harrison e Roy Orbison (che morì qualche mese dopo) e come l’esperienza da solista registrando due tra i suoi album più riusciti: “Full moon fever” (1989) e “Wildflowers” (1994).
In questi ultimi mesi Tom Petty era in tour con i suoi “Heartbreakers” per festeggiare i loro 40 anni di carriera. Doveva essere l’ultimo tour nelle dichiarazioni del cantante, vista l’avanzare dell’età e la voglia di dedicare più tempo alla sua nipotina. Nessuno poteva immaginare che a deciderlo fosse un tragico malore improvviso.