Seguici su:

AMA Funerali Roma – Morto Roberto Gervaso

Roberto GervasoRoberto Gervaso è morto a Milano il 2 giugno scorso all’età di 82 anni. Le cause del decesso sono dovute ad un tumore alla prostata contro cui lottava da vent’anni. Scompare uno dei più importanti giornalisti e scrittori italiani. I suoi geniali aforismi ci hanno accompagnato per tantissimi anni. Roberto Gervaso fu un divulgatore storico straordinario ed un attento osservatore dei costumi del nostro tempo. Nacque il 9 luglio del 1937 a Roma ma trascorse con la famiglia la sua infanzia e giovinezza a Torino laureandosi in Lettere, con una tesi su Tommaso Campanella. Grazie ad Indro Montanelli iniziò la sua attività di giornalista al Corriere della Sera dove poi ottenne il trasferimento da Milano a Roma. Assunse grande notorietà in quanto collaborò con Indro Montanelli alla stesura dei primi sei volumi della monumentale Storia d’Italia, vincendo nel 1967 con L’Italia dei Comuni il Premio Bancarella. Notevole fu la sua attività di scrittore con poco meno di 60 libri pubblicati. Dalla saggistica storica alle biografie (con Cagliostro vinse il suo secondo Premio Bancarella nel 1973), dai ritratti di grandi personaggi storici e contemporanei alle raccolte di aforismi (Il grillo parlante in particolare fu un grande successo). Anche la televisione si accorse di Roberto Gervaso. Con una rubrica di interviste, esordì in Rai nel 1980 a Domenica in partecipando poi a Buona Domenica di Corrado su Canale 5. Per molti anni fece il commentatore politico su Rete 4 nel programma Peste e Corna. Continuò, comunque, sempre la sua collaborazione a quotidiani e periodici, facendo l’opinionista ed il commentatore politico e di costume. Curò anche una rubrica di aforismi su Il Giornale ogni lunedì.
La sua vita privata fu talvolta contrassegnata da periodi di grande depressione, come raccontò nel libro Ho ucciso il cane nero uscito nel 2014. E’ stato vegetariano per oltre quarant’anni tornando poi a rimangiare la carne.
Tantissimi i messaggi di cordoglio arrivati dopo la notizia della morte di Roberto Gervaso. Silvio Berlusconi su Facebook così lo ricorda: “Quella di Roberto Gervaso è una grave perdita per me, per il giornalismo, per l’Italia. Roberto era un amico sincero e generoso, un grande scrittore ma soprattutto un uomo libero. Un uomo con il coraggio delle sue opinioni controcorrente, sempre garbato e signorile, colto e documentato. Mi mancherà, mancherà a tutti gli italiani liberi”. https://www.adnkronos.com/fatti/politica/2020/06/02/gervaso-berlusconi-amico-sincero-generoso-uomo-libero_E7BwWiCMxfjkVf8AwasAHL.html