Seguici su:

AMA Funerali Roma – Morto l’attore Kirk Douglas

Kirk DouglasL’attore Kirk Douglas, grande stella di Hollywood, è morto il 5 febbraio scorso all’età di 103 anni. Scompare l’ultima grande icona del cinema americano dei primi decenni del secondo dopoguerra.
Kirk Douglas nacque nel 1916 ad Amsterdam (stato di New York) da una famiglia di immigrati bielorussi. Lavorò per mantenersi agli studi, conseguendo la laurea in Lettere, riuscendo poi a diplomarsi (senza pagare alcuna retta) all’Accademia Americana di Arti Drammatiche di New York. Durante la seconda guerra mondiale prestò servizio nella Marina e successivamente iniziò a recitare a teatro. Il suo vero nome era Issur Danielovitch, quello iniziale d’arte Isadore Demsky. Non il massimo per il regista teatrale Guthrie McClintic che lo lanciò. Questi infatti lo convinse che per Broadway serviva un nome di maggior impatto. Il giovane Issur optò quindi per Kirk, nome di uno dei personaggi dei fumetti da lui più amati, e Douglas, dal cognome della sua insegnante di dizione dell’Accademia.
L’esordio al cinema avvenne grazie all’attrice Lauren Bacall che lo segnalò nel 1946 al produttore del film Lo strano amore di Marta Ivers. http://www.ansa.it/sito/notizie/cultura/2018/11/07/addio-kirk-douglas-icona-di-hollywood-aveva-103-anni_594b8e83-6dcc-4ffd-9feb-aa636acaa809.html
Ben presto Kirk Douglas si impose in ruoli da duro, cinici, in linea con la sua fisicità.  Questo però non impedì all’attore di affrontare talvolta tematiche a lui particolarmente care. Difensore dei diritti civili e fiero avversario di ogni discriminazione razziale e politica, Kirk Douglas si cimentò anche in film dai contenuti certamente non banali come Brama di vivere, in cui interpretò il celebre pittore Vincent Van Gogh, Orizzonti di gloria, manifesto antimilitarista, e Spartacus, lo schiavo fiero avversario della Repubblica Romana. In quest’ultima pellicola volle come sceneggiatore Dalton Trumbo, all’epoca nella lista nera di Hollywood per le sue simpatie comuniste, che inserì nei titoli di coda (anziché scegliere uno pseudonimo) decretando con questa coraggiosa decisione la fine del maccartismo negli Stati Uniti.
Kirk Douglas fu profondamente coinvolto nelle attività di beneficenza creando nel 1964 una sua fondazione. Fu sposato due volte ed ebbe quattro figli, due per ogni matrimonio. Il figlio Michael, come sappiamo, è diventato uno degli attori più importanti di Hollywood mentre purtroppo Eric morì nel 2004 a soli 46 anni per abuso di stupefacenti. Con la sua seconda moglie, l’amata Anne Buydens, ha vissuto dal 1954 fino all’ultimo giorno della sua vita raggiungendo, e superando entrambi, il secolo di vita (Anne compirà 101 anni il prossimo 23 aprile).
Kirk Douglas ha vinto nel 1996 l’Oscar alla carriera dopo aver sfiorato la statuetta, come miglior attore protagonista, per ben tre volte.