Seguici su:

AMA Funerali Roma – Morto Franco Marini

Franco MariniFranco Marini, sindacalista e politico tra i più importanti del nostro Paese, è morto all’età di 87 anni. I motivi del decesso sono dovuti a complicazioni legate al Covid-19. Ad inizio gennaio Franco Marini era stato colpito dal virus e ricoverato all’ospedale San Camillo de Lellis di Rieti. Dichiarato guarito e dimesso a fine gennaio, ha poi manifestato complicazioni dovute alla riattivazione della malattia. Ricoverato di nuovo presso la clinica romana di Villa Mafalda, è purtroppo deceduto il 9 febbraio scorso.
Con la morte di Franco Marini scompare uno dei protagonisti del sindacato e della politica del nostro Paese. Nato in un paesino dell’Abruzzo nel 1930, si trasferì a 9 anni per esigenze di lavoro del papà, operaio nella fabbrica CISA Viscosa. Fu nel luogo di lavoro del padre che mosse i primi passi come sindacalista. Laureatosi in Giurisprudenza, svolse il servizio di leva come ufficiale negli Alpini. Iscrittosi dal 1950 alla Democrazia Cristiana, fu attivo nell’Azione Cattolica e nelle ACLI (le Associazioni Cristiane dei Lavoratori Italiani). Allievo di Giulio Pastore, assunse ruoli sempre più importanti nel sindacato cattolico, la CISL, divenendone prima Segretario Generale Aggiunto della Federazione dei Dipendenti Pubblici, successivamente Vicesegretario ed infine Segretario Generale Nazionale.
Militante della Democrazia Cristiana, fece parte della corrente Forze Nuove (legata al mondo del lavoro) da sempre presieduta da Carlo Donat-Cattin, raccogliendone poi il testimone alla sua morte.
Nell’aprile 1991 fu Ministro del lavoro e della previdenza sociale durante il settimo Governo Andreotti, entrando poi in Parlamento nel 1992. Dopo Tangentopoli ed il crollo della cosiddetta Prima Repubblica, aderì al Partito Popolare Italiano di Mino Martinazzoli. L’Italia stava volgendo al bipolarismo e Franco Marini fu tra gli artefici della collocazione del partito nell’ambito del centro-sinistra. Il resto è storia recente con la nascita della Margherita e poi quella del Partito Democratico, dalle ceneri della Margherita stessa e dei Democratici di Sinistra.
Franco Marini cercò sempre di mantenere forte l’identità dei cattolici democratici all’interno dell’Ulivo prima e del Partito Democratico poi. Nello stesso tempo però fu un uomo sempre aperto al dialogo. Proprio per questo fu un apprezzato Presidente del Senato sfiorando anche la Presidenza della Repubblica. Emblematico a tal riguardo il ricordo del Presidente del Parlamento Europeo David Sassoli: “Confronto e dialogo. Guardare al minimo comun denominatore piuttosto che al massimo comun divisore. Grazie Franco Marini per quella grande lezione di saggezza, di apertura, di moderazione, di lucidità di visione che è stata la tua vita. La terra ti sia lieve”.
https://www.ansa.it/sito/notizie/politica/2021/02/09/morto-franco-marini-_c2546246-3796-4153-a08f-5f1003321fe3.html
I funerali di Franco Marini si sono svolti a Roma, giovedì 11 febbraio, nella chiesa di San Roberto Bellarmino.