Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il calciatore Stefano Salvatori


E’ morto il calciatore Stefano Salvatori a soli 49 anni. A darne la notizia è il club scozzese degli Hearts of Midlothian con cui giocò e vinse nel 1998 una storica Coppa di Scozia. La Fiorentina ed il Milan, club in cui ha militato Salvatori, hanno giocato con il lutto al braccio nell’ultima giornata di campionato.
Stefano Salvatori nacque a Roma nel 1967 ed è cresciuto nelle giovanili della Lodigiani, all’epoca uno dei vivai più importanti del panorama capitolino. Il Milan si accorse di lui acquistandolo giovanissimo, e dopo una serie di esperienze nelle serie minori, Stefano Salvatori esordì in serie A con la maglia della Fiorentina collezionando 23 presenze ed una rete all’attivo. Tornò nel Milan di Sacchi dove partecipò alla vittoria in Coppa dei Campioni del 1990, giocando poi la finale di Supercoppa Europea vinta dai rossoneri contro il Barcellona. Tornato alla Fiorentina nel biennio successivo passò poi alla Spal e all’Atalanta. Poi la decisione di trasferirsi Oltre Manica giocando nel campionato scozzese con la maglia degli Hearts of Midlothian, contribuendo attivamente alla storica vittoria nella coppa nazionale contro i più quotati Rangers di Glasgow. L’importanza di questa vittoria si evince anche dal comunicato del club scozzese con cui ricorda Salvatori e ne sottolinea l’affetto che ancora conservano i tifosi. Tornato in Italia dopo l’esperienza scozzese, Stefano Salvatori giocò alcuni anni nelle serie minori per ritirarsi dal calcio giocato nel 2002 iniziando la carriera da allenatore con l’ultimo club di cui aveva vestito la maglia. Dopo un triennio al Legnano proseguì la sua carriera da allenatore nel Voghera terminandola nel 2007  senza ulteriori sviluppi in altri club. Nel 2013 la decisione di trasferirsi in Australia per intraprendere la carriera di procuratore alla ricerca di giovani talenti.
Tra i tanti attestati, quello del Milan che lo ricorda come “protagonista rossonero 1989/90” esprimendo tutta la propria vicinanza al dolore della famiglia del calciatore romano.