Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda l’ex magistrato Mario Sossi

Mario SossiL’ex magistrato Mario Sossi è morto lo scorso 6 dicembre a Genova all’età di 87 anni. Il suo nome è legato al rapimento che lui subì nel 1974 ad opera delle Brigate Rosse. Con quell’azione, il gruppo terrorista di estrema sinistra iniziò una escalation di azioni culminate poi alcuni anni dopo con il rapimento del presidente della Democrazia Cristiana Aldo Moro.
Mario Sossi, l’anno prima del suo rapimento, era stato il Pubblico Ministero nel processo che portò alla condanna dei membri del Gruppo XXII Ottobre, la prima formazione terrorista “rossa”. Le Brigate Rosse identificarono in lui il rappresentante dello Stato da colpire per rappresaglia. Lo rapirono il 18 aprile del 1974 al suo rientro a casa dopo essere sceso dall’autobus. Il gruppo terroristico era presieduto da due loro capi storici: Alberto Franceschini e Mara Cagol (quest’ultima moglie di Renato Curcio, co-fondatore insieme a loro delle Brigate Rosse). Mario Sossi fu sottoposto ad un processo “proletario” e condannato a morte nel caso non fossero state accolte le loro richieste di liberazione degli otto terroristi del Gruppo XXII Ottobre. La Corte d’Assise di Genova diede parere favorevole alla libertà provvisoria per quei terroristi ma il Procuratore Generale Francesco Coco non controfirmò l’ordinanza presentando un ricorso in Cassazione che fece saltare il tutto. Nonostante il fallimento della strategia brigatista, Mario Sossi fu comunque liberato dopo oltre un mese di prigionia. Due anni dopo fu invece ucciso dalle Brigate Rosse Francesco Coco, insieme ai due uomini della sua scorta, come rappresaglia per aver bloccato la liberazione dei detenuti del Gruppo XXII Ottobre.
Mario Sossi potè tornare a svolgere la sua attività di magistrato fino al 2006 quando andò in pensione. Continuò comunque a frequentare le aule dei tribunali come avvocato penalista e si candidò nel 2007, nelle file di Alleanza Nazionale, alle elezioni per il consiglio comunale di Genova non riuscendo però ad essere eletto. Nel 2009 riprovò a candidarsi, questa volta alle elezioni europee, come indipendente nella lista di Forza Nuova ottenendo solo 1.016 voti.
Tra i messaggi di cordoglio arrivati dopo la morte dell’ex magistrato, quello della giunta della sua regione, la Liguria (Mario Sossi era nato ad Imperia nel 1932 ed aveva vissuto a Genova con la moglie e due figlie): “Il presidente Giovanni Toti e la sua giunta esprimono cordoglio e vicinanza alla famiglia per la scomparsa dell’ex magistrato e politico Mario Sossi, figura di spicco della magistratura durante gli Anni di piombo e protagonista della lotta al terrorismo”. 
http://www.ansa.it/sito/notizie/cronaca/2019/12/06/morto-a-genova-lex-magistrato-mario-sossi_742318f4-47fd-486b-93ab-0a249e4f93aa.html