Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il conduttore Larry King

Larry KingLarry King, celebre conduttore televisivo statunitense, è morto lo scorso 23 gennaio a Los Angeles all’età di 87 anni. La causa è legata a complicazioni determinate dal Covid-19. Purtroppo Larry King aveva un quadro clinico molto complicato. Soffriva di diabete di tipo 2, aveva avuto diversi attacchi di cuore (conviveva con un quintuplo bypass installato durante un intervento chirurgico nel 1987) ed un tumore ai polmoni. Nel maggio scorso aveva anche superato un ictus.
Larry King, vero nome Lawrence Harvey Zeiger, nacque a Brooklyn (New York) il 19 novembre 1933 da genitori ebrei ortodossi. La sua adolescenza non fu semplice a causa della morte del padre, a soli 44 anni, che lasciò la famiglia in condizioni economiche talmente complicate da richiedere il supporto dei servizi sociali.
La sua carriera professionale iniziò nel 1957 come disc-jockey presso una stazione radio di Miami. In quel periodo cambiò cognome in King ma continuò ad avere problemi finanziari.
La svolta avvenne nel 1978 quando gli fu offerta la conduzione di un programma radiofonico trasmesso nelle ore notturne. La sua bravura non passò inosservata e nel giugno del 1985 la CNN gli affidò il programma per cui divenne poi popolare: il Larry King Live, andato in onda fino al 2010. In tutti questi anni il conduttore di Brooklyn ha intervistato i presidenti statunitensi da Nixon in poi, leader come Arafat e Putin e tantissime celebrità della musica e dello spettacolo. I vip amavano farsi intervistare da questo conduttore con la camicia arrotolata nelle maniche, le bretelle e la cravatta multicolore.
“Non ci potrà mai più essere uno come lui perché la tv che lo ha aveva fatto, e che lui aveva contribuito a fare, è un mondo finito” aveva scritto il compianto giornalista Vittorio Zucconi, grande esperto dei fatti e dei costumi americani, l’indomani dell’ultima puntata del Larry King Livehttps://www.repubblica.it/spettacoli/tv-radio/2021/02/01/news/larry_king-280915515/
Larry King nel corso della sua lunga vita si è sposato otto volte con sette mogli diverse ed ha avuto cinque figli. Nel 2020 aveva divorziato dalla sua settima moglie Shawn Southwick perdendo a luglio il figlio Andy per un improvviso attacco cardiaco e ad agosto la figlia Chaia dopo che le era stato diagnosticato un tumore ai polmoni.