Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda Giuseppe Gazzoni Frascara

Giuseppe Gazzoni FrascaraGiuseppe Gazzoni Frascara è morto lo scorso 24 aprile all’età di 84 anni. E’ stato per lungo tempo il proprietario del Bologna calcio e suo presidente dal 1993 al 2001. Attualmente, del club felsineo, ricopriva la carica di presidente onorario.
Giuseppe Gazzoni Frascara era nato a Torino nel 1935 da una famiglia ariscocratica per parte materna. Nipote dell’inventore del brevetto della celebre Idrolitina, per molti anni si dedicò all’azienda di famiglia portando al successo prodotti come appunto la stessa Idrolitina, La Pasticca del Re Sole e Dietor. Dopo che la sua azienda aveva sponsorizzato sia la Virtus Bologna che il Bologna calcio, nel 1993 decide di acquisire il club rossoblu dopo il fallimento della precedente gestione e l’iscrizione al campionato di serie C. In sole tre stagioni il Bologna approda nella massima serie iniziando un positivo percorso di crescita, senza dubbio il migliore degli ultimi decenni. Grazie a Giuseppe Gazzoni Frascara i tifosi rossoblu possono godersi le prestazioni calcistiche di campioni assoluti come Roberto Baggio, Beppe Signori e Julio Cruz. Il Bologna conquista una Coppa Intertoto ed arriva addirittura a giocarsi la semifinale di Coppa Uefa nella stagione 1998-99. Pur lasciando nel 2001 la presidenza del club a Renato Cipollini, Giuseppe Gazzoni Frascara ne continua a mantenere saldamente il controllo societario. Nel 2005 con la retrocessione del Bologna in serie B dopo lo spareggio perso contro il Parma, Giuseppe Gazzoni Frascara decide di cedere il club. Molti lo ricorderanno in prima linea nel denunciare il sistema di Calciopoli ed il famoso doping amministrativo utilizzato all’epoca da alcuni club per migliorare i bilanci e posticipare i pagamenti dei debiti verso l’erario. Nonostante le condanne inflitte ad alcune squadre di serie A, al Bologna non viene concesso alcun risarcimento. Giuseppe Gazzoni Frascara continuerà comunque la sua battaglia per avere giustizia nelle sedi competenti senza però fortuna.
Tra i tanti messaggi arrivati per commemorare la figura di Giuseppe Gazzoni Frascara, quello del sindaco di Bologna Virginio Merola che così lo ricorda: “Bologna perde un uomo di impresa e di sport, di successi e di sconfitte. A Giuseppe Gazzoni Frascara si lega una stagione di capitalismo familiare e di passione, di marchi impressi nella storia economica e nel costume, come l’Idrolitina, segni di una Bologna che aveva imparato a stare al centro del mondo. I successi alla presidenza del Bologna, nelle stagioni di Baggio e Signori hanno dovuto subire il contraltare dei veleni di Calciopoli e della caduta personale e finanziaria. Fu vittima coraggiosa di trame e malaffare, vicende che non hanno intaccato l’uomo e la sua signorilità. Disse in un’intervista: ‘Ho perso tutto ma sono più sereno’. Bologna rimpiangerà quella sua serenità. Esprimo il profondo e sincero cordoglio mio personale e di tutta la nostra città”. https://www.ansa.it/sito/notizie/sport/2020/04/24/addio-a-gazzoni-frascara-patron-del-bologna-di-baggio-e-signori_65277eb2-28a9-42a1-a44f-54e4bc3e86f1.html