Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il giornalista Massimo Bordin

Massimo BordinIl giornalista Massimo Bordin è morto lo scorso 17 aprile all’età di 67 anni a causa di una malattia polmonare di cui era affetto da tempo. E’ stato una delle colonne di Radio Radicale che con questo tweet lo ha voluto ricordare: “E’ morto Massimo Bordin, il nostro grande maestro, la voce più importante, più autorevole e più bella di Radio Radicale“. Ed in effetti Massimo Bordin a questa storica emittente è stato professionalmente ed intimamente legato per gran parte della sua vita, iniziandoci a lavorare fin dal lontano 1979 e ricoprendo la carica di direttore per ben 19 anni. Si dimise da direttore nel 2010 per divergenze editoriali con il suo grande amico Marco Pannella continuando però a condurre la seguitissima rassegna stampa quotidiana mattutina Stampa e regime, un appuntamento durato fino allo scorso 1 aprile (nonostante la gravità della malattia) in cui Massimo Bordin passava in rassegna i giornali commentandone i contenuti con un’acutezza critica davvero rara. Con il leader radicale portò avanti per molti anni la conversazione domenicale in cui affrontava i principali argomenti offrendo all’interlocutore interessanti spunti per le sue poi lunghissime riflessioni ed analisi. Nessuno aveva l’abilità di Massimo Bordin nel gestire ed arginare, nei limiti del possibile, la prosa infinita dell’indimenticabile leader radicale.
La scomparsa di Massimo Bordin avviene in un momento di grande incertezza sul futuro di Radio Radicale. Il 21 maggio prossimo infatti scadrà la convenzione dell’emittente per la trasmissione delle attività istituzionali ed il governo sembrerebbe orientato a non rinnovarla, come confermato anche dal sottosegretario all’Editoria Vito Crimi. Tale situazione aveva portato il giornalista a prendere posizioni molto critiche nei confronti di questo esecutivo ed in particolare del Vicepresidente del Consiglio dei Ministri e Ministro dello Sviluppo Economico e del Lavoro Luigi Di Maio.
Oltre a Radio Radicale, Massimo Bordin aveva una rubrica sul quotidiano Il Foglio dal titolo Bordin line https://www.ilfoglio.it/bordin-line/2019/04/02/news/non-esistono-delitti-gradevoli-246622/. Nel 2009 gli era stato assegnato il Premiolino, il più antico premio giornalistico in Italia.