Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il grande Gigi Proietti

Gigi ProiettiGigi Proietti è morto lo scorso 2 novembre nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Il popolare attore è deceduto a seguito di un arresto cardiaco. Era ricoverato da diversi giorni presso la clinica romana di Villa Margherita a causa di un aggravamento delle sue condizioni di salute dovute ad una grave cardiopatia. Anche in questi momenti drammatici l’attore romano non aveva perso la sua abituale ironia, come racconta Fabrizio Lucherini, medico radiologo della clinica: “Quando gli ho fatto la tac, pochi giorni fa, ironizzava sulle sue condizioni: Come vado? Je la faccio?, chiedeva. Non l’ho mai percepito ansioso e preoccupato. Era lui, è sempre stato lui”.
https://www.ilmessaggero.it/persone/gigi_proietti_come_e_morto_veramente_racconto_radiologo_ultime_parole-5561692.html
Con la morte di Gigi Proietti scompare l’ultimo dei grandi mattatori italiani dello spettacolo (in senso lato). Amatissimo dal pubblico, adorato da noi romani, Gigi Proietti ci ha regalato pagine memorabili di teatro, di televisione e di cinema. La sua simpatia ha accompagnato intere generazioni. Il suo film Febbre da cavallo è diventato un vero e proprio cult grazie al personaggio di Mandrake, da lui magistralmente interpretato. E’ probabilmente con il teatro che Gigi Proietti ha potuto esternare al massimo le sue straordinarie capacità. Come monologhista, cantante, imitatore, ballerino. Chi non ha visto almeno una delle tante repliche di A me gli occhi please che, come è stato già scritto, “rappresentò il primo esperimento di un nuovo genere di spettacolo nel quale era l’attore ad interrogarsi sui mezzi e sul significato della sua professione, senza rinunciare alla leggerezza dell’ironia”.
Anche in televisione Gigi Proietti è stato un volto familiare per tanti decenni. La fiction de Il maresciallo Rocca diede, a partire dalla metà degli anni novanta, un nuovo e straordinario impulso alla sua carriera che portò l’attore ha girare in tutto ben trenta episodi della fortunatissima serie.
Gigi Proietti ebbe anche il grande merito, attraverso il suo Laboratorio di Esercitazioni Sceniche, di lanciare tanti giovani attori diventati poi negli anni molto popolari tra il pubblico come Giorgio Tirabassi, Enrico Brignano, Nadia Rinaldi e Rodolfo Laganà. Fu anche un eccellente doppiatore: è lui la voce di Stallone nel primo film della serie Rocky.
Tutta Roma sta piangendo la sua scomparsa. Romano, e grande tifoso della Roma, Gigi Proietti ha sempre avuto un rapporto particolare con la sua città. Nel giorno dei suoi funerali, la sindaca Virginia Raggi ha proclamato il lutto cittadino.