Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda l’ex calciatore Pedro Manfredini

Pedro Manfredini
L’ex calciatore Pedro Manfredini, il mitico “Piedone” per i tifosi romanisti, è morto il 21 gennaio scorso all’età di 83 anni. Pedro Manfredini è stato uno degli attaccanti più prolifici della Roma, con una media goal/partita nel campionato italiano (di 0,571) addirittura superiore a celebrati campioni come Altafini, Sivori, Riva, Boninsegna e Platini.
Pedro Manfredini nacque a Maipù in Argentina nel 1935 ma i suoi nonni erano tutti italiani. Esordì nella massima serie argentina nel 1957 con il Racing Club vincendo il campionato nel 1958 e distinguendosi subito per la sua vena realizzativa che gli valse la convocazione in nazionale nella Coppa America del 1959 che l’Albiceleste si aggiudicò. La Roma lo acquistò nello stesso anno e con la squadra giallorossa giocò fino alla stagione 1964-65 realizzando ben 77 reti in 130 partite di campionato. Il soprannome “Piedone” lo accompagnò fin dal suo arrivo nella Capitale: scendendo dalla scaletta dell’aereo, al momento del suo arrivo a Roma, un fotografo immortalò il suo piede in primo piano che apparve gigantesco rispetto alle reali dimensioni. Su questo episodio così Pedro Manfredini amava ripetere in continuazione: “Ma quale Piedone: io porto 42, e pure scarso…”. Di lui i tifosi giallorossi meno giovani ricordano le sue frequenti triplette, una anche alla Lazio nel derby del 13 novembre 1960 vinto dalla Roma per 4-0. E poi il suo contributo determinante, con ben 12 goal, al raggiungimento della storica vittoria in Coppa delle Fiere (l’antesignana della Coppa Uefa). Come molti grandi idoli del calcio entrati nel cuore dei tifosi, anche Pedro Manfredini fu oggetto di una divertente sequenza nel film ad episodi I mostri, di Dino Risi, con Vittorio Gassman che urla dagli spalti dello stadio Olimpico, durante una partita della Roma, “Vai Piedone, vai….” esultando fino a sentirsi male per il goal segnato dalla squadra capitolina.
Terminata la sua avventura calcistica a Roma, Pedro Manfredini non riuscì a replicare le ottime stagioni in giallorosso terminando la carriera pochi anni dopo. Appesi gli scarpini al chiodo, tornò a Roma stabilendosi per tutto il resto della sua vita nella Città Eterna.
Sono tanti i messaggi di cordoglio giunti alla famiglia di Pedro Manfredini. A partire dalla Roma che lo ricorda sul proprio sito ufficiale e sul profilo Twitter. Commosse sono le parole di un suo compagno di squadra, Giacomo Losi, che rispondendo al telefono con la voce rotta dall’emozione così commenta: ” Mamma mia, il nostro Piedone non c’è più neanche lui ormai. Compagno leale, gioviale, sempre pronto a dire sì, mai una parola di troppo… E quanto era forte”.