Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda lo statista Helmut Kohl

Helmut Kohl
Ad un anno dalla sua scomparsa, desideriamo ricordare Helmut Kohl, uno degli statisti più importanti dell’Europa contemporanea.
Helmut Kohl è stato il  cancelliere più longevo della storia tedesca, secondo solo ad Otto von Bismarck. A lui soprattutto si deve la riunificazione della Germania uscita sconfitta dal secondo conflitto mondiale e divisa in due nazioni: una facente parte del blocco occidentale (la Repubblica Federale Tedesca), l’altra appartenente al blocco comunista che faceva riferimento all’Unione Sovietica (la DDR o Repubblica Democratica Tedesca). Helmut Kohl, approfittando della crisi strutturale del sistema comunista sovietico, si fece artefice alla fine degli anni ottanta del processo di unificazione delle due Germanie (con l’assorbimento della DDR nella Repubblica Federale Tedesca) arrivando a raggiungere l’obiettivo sognato da milioni di tedeschi dell’est oppressi da decenni di isolamento e dittatura. Ancora restano negli occhi dei meno giovani le immagini storiche del crollo del Muro di Berlino ed il discorso di Helmut Kohl del 22 dicembre del 1989 all’apertura ufficiale della Porta di Brandeburgo.
Se dell’unificazione della Germania ne fu il principale artefice, grandi meriti gli vanno attribuiti anche nella faticosa costruzione dell’Europa. Helmut Kohl fu infatti, insieme al presidente francese Francois Mitterrand, fondamentale per i decisivi passaggi  verso l’Unione Europea determinati dal Trattato di Maastricht e dall’entrata in vigore dell’Euro. Non secondario fu in generale il suo impegno in politica estera per accreditare l’immagine di una Germania democratica, pacifica, europeista e fortemente legata alla NATO (l’alleanza dei paesi occidentali creata per fronteggiare il pericolo sovietico).
Helmut Kohl fu il leader incontrastato della CDU (la Democrazia Cristiana tedesca) e grazie alla sua illuminata azione di governo riuscì a rafforzare notevolmente il welfare nel suo paese migliorando sensibilmente le condizioni di vita del popolo tedesco. Purtroppo negli ultimi anni della sua straordinaria carriera politica fu travolto dallo scandalo dei fondi illegali, ricevuti dal suo partito, che ne inclinarono sensibilmente l’immagine pubblica. Nulla però potrà togliere a Helmut Kohl il grande merito di aver determinato cambiamenti epocali nella storia del nostro vecchio continente.