Seguici su:

AMA Funerali Roma ricorda il grande Alberto Sordi

Alberto SordiIl 24 febbraio 2003 moriva all’età di 82 anni il grande Alberto Sordi. Roma accolse la notizia con grande commozione salutandolo in massa al Campidoglio, dove era stata allestita la camera ardente, e partecipando con una folla immensa ai suoi solenni funerali celebrati nella Basilica di San Giovanni in Laterano.
Alberto Sordi era l’attore più amato dai romani che lo consideravano uno di loro. D’altronde la romanità di Albertone ha sempre rappresentato uno dei fondamentali requisiti del suo successo insieme alla capacità di rappresentare l’italiano medio come forse nessun’altro. Alberto Sordi ci ha fatto ridere con film divenuti immortali come Un americano a Roma, Il vedovo, Il vigile, Il marchese del Grillo ma definirlo soltanto un attore comico sarebbe alquanto riduttivo. Ed infatti come non ricordare le sue straordinarie interpretazioni ne La grande guerra o in Una vita difficile? Come non sottolineare l’intensità drammatica dei personaggi del geometra romano Giuseppe Di Noi in Detenuto in attesa di giudizio e di Giovanni Vivaldi (il papà del giovane ucciso da una pallottola vacante esplosa nel corso di una sparatoria successiva a una rapina a una banca) ne Un borghese piccolo piccolo?
L’anno 2020 coincide con il centenario della nascita di Alberto Sordi. Nei primi giorni di questa settimana è stato proiettato al cinema il film diretto da Luca Manfredi, figlio del grande Nino, Permette? Alberto Sordi. La pellicola ripercorre vent’anni di vita dell’attore, dal 1937 al 1957, coincisi con la sua crescita ed esplosione professionale.
https://www.tgcom24.mediaset.it/spettacolo/supercinema/permette-alberto-sordi-la-leggenda-di-albertoneper-tre-giorni-al-cinema_15196416-202002a.shtml
Il film verrà riproposto ad aprile su Rai1.
Dal 7 marzo fino al 20 giugno partirà una mostra nella storica abitazione dell’Albertone nazionale che diventerà per l’occasione il Museo Alberto Sordi.
Grande attesa infine per l’uscita ad aprile del primo libro sulla vita privata dell’attore: Alberto Sordi segreto. Scritto da Igor Righetti, figlio di un cugino di Sordi, il libro sicuramente farà scoprire gli aspetti più personali della vita dell’attore romano nato a Trastevere.
Una serie, quindi, di appuntamenti imperdibili per tutti coloro che hanno avuto modo di apprezzare Alberto Sordi quando era in vita ma anche per i tanti giovani che lo hanno incominciato a seguire dopo la sua morte attraverso i tanti film riproposti nei palinsesti televisivi.